18/11/2019 01:05:27
Home Comune di Vigonza Rete civica del Comune di Vigonza
Palazzo Arrigoni, via Cavour 16 - 35010 Vigonza (Pd), P.I. 01480860285,
tel. 049/8090211, fax 049/8090200
Home Comune di Vigonza Ricerca
Scrivi al Webmaster - segnala un errore Scrivi al Comune
Archivio Fotografico
APPROVAZIONE NUOVO REGOLAMENTO MINIALLOGGI DEL CENTRO DIURNO.

Delibera n. 22 del 19/03/2010. Dept: SEGRETERIA Sett: AMMINISTRATIVO pubblicata il esecutiva il

(Presenti n. 20 - Assenti n. 1: Stocco)


Sentito il Cons. Paolo Pinton (Presidente della III Commissione
Consiliare), il quale relaziona brevemente sull'argomento in oggetto.
(Alle ore 21.40 esce il cons. Celin M. - Presenti n. 19)
Premesso che con deliberazione di Consiglio Comunale n. 103 del
09.11.1992 è stato approvato il regolamento minialloggi del Centro Diurno
e successivamente modificato con delibera di C.C. n. 45 del 29.04.1997;

Considerato che lo stesso necessita di una revisione completa in
quanto nuove e diverse applicazioni operative hanno suggerito di dovere
modificare/integrare alcuni punti perché non più conformi alle normative
vigenti;

Ritenuto pertanto opportuno procedere all'adeguamento del
regolamento sui minialloggi del Centro Diurno, come evidenziato
nell'allegato A) al presente atto;

Acquisito il parere di cui all'art. 49, comma 1 del D.Lgs. 267/00,
riportato nell'allegato B);

Visto il parere della I^ Commissione consiliare espresso nella
seduta del 17.03.2010;

Dato atto che non segue alcuna discussione;


Con i seguenti voti, resi per alzata di mano, controllati dagli
scrutatori e proclamati dal Presidente,

  • Presenti e Votanti n. 19
    - favorevoli n. 13
    - contrari nessuno
    - astenuti n. 6: (Stivanello, Barutta, Cacco, Lunardi, Levorato,
    Zanella)

D E L I B E R A

di approvare il nuovo regolamento dei Minialloggi del Centro Diurno, così
come riportato nel testo di cui all'allegato A) che forma parte integrante
e sostanziale della presente deliberazione e che abroga e sostituisce il
precedente approvato con atto di Consiglio Comunale n. 103 del 09.11.1992.

===================================

Terminata la trattazione di tutti gi argomenti iscritti all'O.d.g.
dell'odierna seduta, alle ore 21.45 il Presidente dichiara terminata la
seduta di Consiglio Comunale.

================================================

REGOLAMENTO
MINIALLOGGI DEL CENTRO DIURNO

ART. 1 – OGGETTO

Il Comune di Vigonza destina n. 6 monolocali per finalità di pubblico
interesse o per emergenze abitative in località Peraga di Vigonza
collegati ad un insieme di servizi collettivi destinati a Centro Diurno
per Anziani.
Gli alloggi costituiscono, con il Centro Diurno una risorsa nell’ambito
del servizio di assistenza sociale, con l’obiettivo di consentire ai
cittadini di Vigonza, che non necessitano di particolare assistenza medica
di condurre una vita autonoma nel proprio ambiente di vita.
L’assegnazione avviene con atto del Dirigente dei Servizi Sociali ai sensi
del D. Lgs. n. 267/2000, sulla base di:

  • PER EMERGENZA ABITATIVA : relazione dell’Assistente Sociale,
    sentita la Commissione Assistenza.

oppure

  • PUBBLICO INTERESSE o ordine pubblico o sicurezza urbana: atto
    deliberativo dell’Amministrazione comunale.

ART. 2 – GESTIONE DEL MINIALLOGGIO

L’Amministrazione Comunale si fa carico:
- del servizio di pulizia degli spazi comuni;
- della fornitura dell’acqua;
- della fornitura dell’energia elettrica;
- della fornitura del riscaldamento;
- della manutenzione delle aree verdi.
Rimane a carico dell’utente la pulizia del minialloggio assegnato e la sua
corretta conduzione.

ART. 3 – REQUISITI MINIMI PER L’ACCESSO AI MINIALLOGGI:

Possono accedere ai minialloggi i cittadini residenti a Vigonza in
condizioni di autosufficienza, che SI TROVINO NELLE SEGUENTI CONDIZIONI:

A) emergenza abitativa:
a-1) esigenze straordinarie a favore di nuclei senza tetto, persone
colpite da calamità, sgomberi, esecuzioni di sfratti o altre situazioni di
grave emergenza connesse anche ad eventi di forza maggiore, per le quali
il Comune potrà agire per effetto di quanto previsto dalla L.R. del Veneto
n. 10/96.
a-2) disagio sociale così come definito dalla delibera di Giunta Comunale
n°178 del 5.3.1997.

B) per situazioni di provvisoria sistemazione legate a interventi di
pubblico interesse o ordine pubblico o sicurezza urbana.

ART. 4 – DECADENZA DALL’ASSEGNAZIONE

Si avrà decadenza dall’assegnazione nel caso di perdita da parte dell’
assegnatario dei requisiti previsti per l’accesso e in particolare:
- trasferimento residenza o cessazione del domicilio di soccorso;
- perdita condizione di autosufficienza;
- acquisto del possesso o diritto di proprietà, o usufrutto su un’
abitazione;
- reiterata inosservanza delle “norme” di utilizzo per i conduttori
(a seguito di contestazione reiterata per almeno 2 volte nell’arco dell’
intero periodo di assegnazione).

ART. 5 – SOLUZIONI ALTERNATIVE
Qualora i cittadini assegnatari dei minialloggi risultassero in possesso
dei requisiti richiesti per l’assegnazione di alloggi di E.R.P., saranno
invitati a partecipare ai bandi di concorso per le Case Popolari indetti
annualmente da questo Comune.
Nel caso risultassero assegnatari di alloggi di E.R.P. decadranno dal
diritto a beneficiare del minialloggio.

ART. 6 – RIMBORSO SPESE

L’utilizzo degli alloggi prevede il versamento di un rimborso spese
mensile determinato di anno in anno dalla Giunta Comunale.
Anche nel caso in cui la persona abbia un reddito inferiore al minimo
vitale e necessita quindi di contributo da parte di questo Ente si ritiene
comunque che la retta, a titolo di rimborso spese, debba essere richiesta.

ART. 7 – NORMA TRANSITORIA

Rimangono conservati i diritti e le situazioni dei soggetti beneficiari
dei minialloggi alla data di approvazione del presente regolamento.
Costituisce parte integrante del presente regolamento l’allegato
disciplinare per la regolamentazione dell’utilizzo degli alloggi da parte
degli assegnatari.
Allegato al Regolamento Minialloggi del Centro Diurno

DISCIPLINARE PER L’UTILIZZO DA PARTE DEI CONDUTTORI

I conduttori, oltre che all’osservanza scrupolosa delle norme contenute
nell’atto di concessione dell’alloggio, sono rigorosamente obbligati ad
ottemperare alle disposizioni di cui al presente disciplinare.
ART. 1
I conduttori debbono usare la più scrupolosa cura non solo nell’uso del
loro alloggio, ma anche dei locali di uso comune e delle zone scoperte.
Manterranno reciprocamente quei riguardi ed accordi che soli possono
garantire una civile convivenza.
E’ fatto divieto detenere animali.

ART. 2
I conduttori hanno l’obbligo di denunciare tempestivamente all’
Amministrazione Comunale gli inconvenienti verificatisi negli alloggi e
nelle parti di fabbricato di uso comune.

ART. 3
I conduttori devono consentire in qualsiasi momento l’accesso agli alloggi
delle persone incaricate dall’Amministrazione Comunale a scopo ispettivo o
per lavori ritenuti necessari a giudizio dell’Amministrazione.

ART. 4
E’ assolutamente vietato ai conduttori:
a) sublocare e dare alloggio a persone estranee e diverse da quelle
previste nell’atto di concessione;
b) usare l’alloggio per scopi diversi dall’abitazione;
c) scuotere tappeti comunque dopo le ore 8.00 del mattino, gettare
rifiuti fuori degli appositi contenitori, intasare scarichi, fare lavori,
applicare tappezzeria, tenere animali, arrecare disturbo al vicinato
specie dopo le ore 22.00 e fino alle ore 7.00;
d) occupare i locali di uso comune con biciclette, motocicli o
altra cosa d’ingombro.

ART. 5
Il conduttore deve provvedere a proprie spese a tutte le riparazioni
ordinarie dell’appartamento ed espressamente quelle da farsi agli impianti
di acqua, gas, luce, sanitari, serrature e chiavi, superficie dei muri,
soffitti, infissi e pavimentazioni, previo avviso all’Amministrazione
Comunale che valuterà di volta in volta se provvedervi direttamente.

ART. 6
Il conduttore deve il rimborso spese previsto per l’uso dell’alloggio
entro il giorno 5 del mese successivo a quello usufruito.
Il conduttore potrà concordare con l’Amministrazione Comunale modalità e
tempi di pagamento differenti, in relazione a particolari situazioni
documentate.

(Il Presidente del Consiglio Giovannoni Pietro)
Allegati:
Delibere del Consiglio Comunale - Home
Tutti i diritti riservati © 2003 - Comune di Vigonza
Testato su MS Explorer 6 - Netscape 7 - Mozilla 1.0 - Opera 6